Riccio femmina

Paracentrotus lividus (Lamarck, 1816)

La forma è sferica, più arrotondata verso l’alto (parte dorsale) e più appiattita nella parte ventrale. Paracentotus lividus può essere marroncino, rossastro o violaceo e gli esemplari più giovani sono generalmente più chiari degli adulti. La superficie è dura, costituita da uno scheletro rigido detto teca. La teca è formata da diverse placche calcaree appiattite e saldate tra loro. La superficie è ricoperta da aculei lunghi, mobili, robusti ma piuttosto radi. Il corpo è dotato di pedicelli ambulacrali: delle estroflessioni lunghe e sottili che terminano con una piccola ventosa. È un erbivoro che vive su substrati rocciosi o nelle praterie di fanerogame. Quando si trova sulle rocce spesso si fissa in piccole nicchie dove si ancora saldamente con le sue ventose e può ricoprirsi con detriti o alghe. La bocca (sul lato ventrale) è interamente circondata dagli aculei. P. lividus è a sessi separati e non c’è dimorfismo sessuale. La specie è protetta ed è inserita nell'Annesso III da ASPIM.

Condividi la tua esperienza